Categorie
News

Breve storia dell’ antisemitismo

La strada per la vittoria del germanesimo sul giudaismo
“La strada per la vittoria del germanesimo sul giudaismo”, 1880, è un libro di Wilhelm Marr, che ha coniato il termine antisemitismo, nell’ accezione corrente ancora oggi. Marr nel 1879 fondò Marr fondò la Lega Antisemita, la prima organizzazione tedesca impegnata specificamente nel combattere la presunta minaccia posta alla Germania dagli ebrei, e che sosteneva la loro rimozione forzata dal paese.

Breve storia dell’ antisemitismo, di Walter Borsini, è disponibile per la lettura o per il download. Clicca qui Breve storia dell' antisemitismo (308 download )

Fonte principale : https://it.wikipedia.org/wiki/Antisemitismo ; per la storia del Sionismo la fonte principale è IL NOVECENTO, Il secolo breve. Storia vol. 14 de L’età moderna e contemporanea, a cura di U. Eco, ed. La Repubblica L’Espresso, 2012

Indice

Il termine antisemitismo

L’ odio religioso

Le restrizioni della libertà, in quanto soggetti di uno stato inferiore (sangue, stirpe)

L’ Ottocento e il Novecento: Nazionalismo e anti-ebraismo

Il Sionismo: Israele e la Palestina

L’attacco di Hamas dell’ottobre 2023 e l’ invasione israeliana di Gaza

Categorie
News

Nel cielo di Kiev

La battaglia di Kiev 1941
La battaglia di Kiev 1941. Le truppe naziste sconfissero e massacrarono l’ esercito sovietico a Kiev nel 1941 https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5432553

Nel cielo di Kiev (violenza e civiltà)

25.2.2022

di Walter Borsini

Appoggiandomi al parapetto, sul davanzale di  San Miniato al Monte, osservo giù sotto di me il distendersi consueto delle cupole, dei campanili e dei tetti rossi, il colonnato del piazzale degli Uffizi e i ponti sull’ Arno. La gente si affretta nella giornata invernale mentre io sento il freddo sulle guance e immagino che siano arrossite.  Le persone appaiono gioiose o inquiete, ma la loro città le accoglie benevola, forse un pò annoiata, o affaticata, per i tenti sguardi distratti e il calpestio continuo delle sue strade.

In questa città, la gente vive, si affanna, si eccita, si esalta e soffre in pace.

Una città in pace è una città dove le persone si sentono sicure e non temono aggressioni, pensano che la condizione di pace durerà anche domani, e domani troveranno ancora la loro città placida, annoiata, accogliente.

Un brusco risveglio si può avere per tanti motivi, imprevedibili, un’alluvione per esempio, o un attentato terroristico. In tutti i casi, la gente sa che la città si risolleverà, e, con l’ aiuto dei suoi abitanti, tornerà ad essere quel rifugio sicuro che conoscono bene, a loro disposizione, oggetto di amore e di consumo.

Un pensiero si è annidato nei nostri cuori, lì dimenticato dal tempo. La civiltà, l’educazione, il rispetto tra gli abitanti manterrà questa città in pace. I conflitti saranno risolti parlando. Non per nulla siamo arguti e brillanti, possiamo comunicare le nostre idee e le nostre intenzioni, c’è spazio per l’ ascolto e attraverso la conversazione potremo uscire dai conflitti, trovare le giuste mediazioni, un forte consenso. 

EMAIL